Il Nido degli Angeli - Asilo Nido d'Infanzia 0 - 3 anni - Formazione - Corsi Pre Parto - Pescara ">

Agopuntura e Medicina Tradizionale in Gravidanza

A cura della Dott.ssa Masina Lanci, Medico Chirurgo


Durante la gravidanza, la fisiologia della donna subisce importanti e profondi cambiamenti: il ciclo mestruale cessa per indurre una pienezza di sangue e yìn necessari al nutrimento del feto, il rèn mài si prende cura della nuova vita trattenendola nell'utero, mentre le condizioni di pienezza di questo viscere si riflettono sul chong mài che tende il seno e colora i capezzoli.
Si forma un nuovo equilibrio tra il sé (la madre) e l'altro 
%u201Cdentro di sé%u201D (il feto),  che si radica sull'equilibrio corporeo che la donna aveva prima del concepimento.
A mano a mano che la gravidanza procede, l'accumulo di yìn nel basso ventre (dovuta all'accrescimento del feto) genera progressivamente dello yang, cioè dei movimenti. 
Il feto comincia a muoversi.
È con queste straordinarie premesse che l'Agopuntura e la MTC si accostano alle donne in gravidanza e alle neomamme proponendosi come opportunità terapeutica per risolvere alcuni disturbi che possono comparire durante periodi così preziosi e delicati quali gravidanza, allattamento e puerperio.


Malposizione fetale e Agopuntura

Il parto vaginale spontaneo può avvenire solo se il feto si trova con la testa verso il canale vaginale (presentazione "cefalica" ossia "di testa"), ma circa il 4% dei feti si presenta podalico ciò con i piedi in basso e la testa verso l'alto, questa presentazione costringe al parto cesareo.
La Medicina Tradizionale Cinese da tempo viene utilizzata per far cambiare posizione al feto podalico e permettere quindi un parto vaginale.
La presentazione podalica del feto è infatti una delle indicazioni piùsorprendenti dell'Agopuntura.
Tale procedura è divenuta nota alla comunità scientifica nel 1998 in seguito alla pubblicazione su JAMA dei risultati eclatanti di uno studio multicentrico condotto in Cina in cui tale intervento aveva aumentato i movimenti fetali avvertiti ed era esitato nel posizionamento cefalico del 75,4% dei feti nel gruppo trattato contro il 47,7% del gruppo di controllo (Cardini and Weixin, 1998).
Il punto di agopuntura che si utilizza %uFFFD il 67 BL, zhen yin, ossia l'ultimo punto del canale di Vescica, situato sul V dito del piede.
Viene punto con sottilissimo aghi sterili e monouso e scaldato con sigari di artemisia. Questa tecnica non fa semplicemente ruotare il feto ma "attira" la testa verso il basso in modo tale che una volta portato in posizione cefalica non torner%uFFFD pi%uFFFD in posizione errata.
Il trattamento va eseguito idealmente tra la 32^ e la 35^ settimana di gestazione ci%uFFFD quando la versione spontanea %uFFFD rara, ma ancora meccanicamente possibile.


Mal di schiena e Agopuntura... in Gravidanza

Le sindromi dolorose dell'apparato locomotore sono patologie frequenti in gravidanza, in particolare nel secondo e nel terzo trimestre, a causa delle alterazioni della statica del bacino e della colonna vertebrale.

Le lombosciatalgie, i dolori alle ginocchia, la sindrome degli scaleni e del tunnel carpale, la sindrome dolorosa addominopelvica, sono condizioni tanto comuni quanto importanti dal punto di vista pratico, poich%uFFFD possono determinare una notevole impotenza funzionale.

L' Agopuntura affronta con successo e senza timore queste problematiche. L' efficacia del trattamento dipende dal ripristino di un equilibrio corporeo delicato e ricco di sfumature che si ottiene tramite l'infissione di sottilissimi aghi su punti posti su   canali energetici (detti  meridiani) che percorrono la superficie del corpo.

Questa medicina accompagna la donna in un momento della vita in cui l'uso dei farmaci %uFFFD limitato dalle controindicazioni, rendendo queste patologie altrimenti poco trattabili. Infatti l'Agopuntura, a patto che venga praticata da un Medico che abbia una profonda conoscenza della materia, non ha controindicazioni nemmeno in gravidanza,  anzi vi sono punti che si utilizzano per la protezione della gravidanza stessa, o per favorire il corretto sviluppo del feto, come il punto Rene 9, uno dei punti di base durante la gestazione e la preparazione al parto. Questo punto gestisce senza dubbio le energie della madre, ma soprattutto le mutazioni del feto, si tratterebbe, quindi, di un modo indiretto per agire sul bambino prima della nascita.


Allattamento al seno: Un sostegno dall'Agopuntura

Negli ultimi anni si parla molto degli indubbi benefici del latte materno, ma non abbastanza si informa sul fatto che, non per tutte le neomamme, l'allattamento al seno, sia sempre semplice nonostante il desiderio e la volontà.

Lo stimolo più importante alla produzione del latte materno è la suzione del capezzolo da parte del neonato, ma vi sono condizioni che rendono questo processo fisiologico difficoltoso.

In Medicina Occidentale nonostante esistano dei farmaci che inibiscano la lattazione, non ce ne sono che la favoriscono, lasciando il campo a dicerie e frustrazioni.

In Medicina Tradizionale Cinese (MTC) la patogenesi della lattazione insufficiente o assente si può facilmente differenziare in Vuoto o Pieno: ciò il latte materno può mancare perchèla sua sorgente, il Sangue, è in Vuoto; oppure può esserci latte a sufficienza ma non fluire in modo corretto a causa di una stasi del qi nel seno.

Una perdita abbondante di sangue durante il travaglio porta a un vuoto del Sangue; poiché il Sangue in MTC è la sorgente del latte materno, il risultato è una produzione di latte insufficiente. Un travaglio prolungato e difficile provoca un esaurimento del qi che a sua volta può essere la causa di una lattazione insufficiente.

Stress emozionali come la preoccupazione, la rabbia, la frustrazione o il rancore provocano una condizione chiamata stasi di qi di Fegato; poiché il Fegato in MTC influisce sul se<


Nausea e Vomito in Gravidanza: il ruolo dell'Agopuntura

La nausea e il vomito gravidico sono tra i segni più precoci di gravidanza, sebbene non tutte le donne ne soffrano. Di solito questo disturbo è più evidente durante il primo trimestre e l'intensità è spesso correlata allo stato del sistema digestivo della donne precedente alla gravidanza.

La moderna medicina occidentale ha ben poche armi da mettere in campo in questi casi, e l'integrazione tra essa e la medicina tradizionale cinese si impone sempre più alla nostra riflessione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riconosce l'Agopuntura (arte medica che data almeno tremila anni) clinicamente efficace nel vomito gravidico.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, di cui l'Agopuntura è strumento, la fisiologica condizione di pienezza dell'utero può spesso generare un flusso a ritroso del qì nì nel canale di Stomaco provocando nausea e vomito gravidico.

Inoltre la patologia degli shèn (Spiriti o %u201CSentimenti%u201D), in particolare la collera e il rimuginare, facilita i ristagni e rappresenta un ulteriore possibile causa di vomito in gravidanza.

Di solito la regressione di questi sintomi è spontanea, ma nelle condizioni in cui il vomito gravidico dovesse perdurare più a lungo o essere incoercibile, ecco che l'Agopuntura può aiutare le future mamme alleviando tali sintomi. Si tratta dell'infissione con sottilissimi aghi, sterili e monouso, di specifici punti posti sulla superficie cutanea e scelti in base alla diagnosi di ogni singolo paziente.

 

undefined


Il Nido degli Angeli




by Lucy & Company snc - P.Iva 01647410685

Via Pietro Nenni 18, Pescara
Tel. 085.4311558 - Cell. 333.4326025
e-mail: info@ilnidodegliangeli.it
©Copyright 2004 2014 - Tutti i Diritti sono riservati

Sito Realizzato con ®